FAQ.

Compreresti un'auto usata dal tuo architetto?

La progettazione e l’intervento edilizio sono processi lunghi e laboriosi ed il professionista sarà tuo compagno di banco per i prossimi mesi. Se l’architetto che hai scelto è la persona giusta per te, se pensi che abbia le caratteristiche ideali per poter soddisfare le tue richieste e ti senti di dargli la tua fiducia: fidati!

Saprà ricompensarti al meglio. Altrimenti, salutatevi, un bell’abbraccio e amici come prima!

Faresti partecipare il tuo architetto al nuovo film della Marvel?

Purtroppo l’architetto non possiede nessun superpotere, ne tantomeno riesce ancora a leggere nel pensiero. Cerca di esprimere con chiarezza quali sono le tue esigenze, i tuoi gusti, quello che ti piace o quello che non vorresti neanche lontanamente vedere in cartolina. E’ probabile che tu non abbia ancora bene in mente quello che vuoi, è normale, non preoccuparti: parlagli subito dei tuoi dubbi, dei problemi.

Più chiaro sarà il tuo input, migliore sarà il progetto.

Voleresti in compagnia del tuo architetto?

Cambiare idea è legittimo, ma c’è un tempo per cambiare e un tempo per essere uniti e compatti puntando dritti alla meta. Il progetto preliminare è il momento per cambiare, anche più e più volte, finché non sarai soddisfatto. Poi ricorda che diventa sempre più complesso ed oneroso.

Scegli con serenità e libertà la tua destinazione ma, una volta in volo, non dirottare l’aereo, lui non lo farà.

Il tuo architetto merita il premio Nobel?

Non penso. O almeno non la maggior parte della categoria.

Però il tuo architetto lavora molto, anche se non lo vedi. Disegna, sta in cantiere, ti ascolta al telefono per ore, parla con decine di persone che tu ignori, è responsabile per molte cose. Non si merita il premio Nobel, certo, ne tantomeno una medaglia, ma riconosci il suo impegno, la sua funzione e la sua professione. Lavorerà ancora meglio. In fin dei conti è la sola garanzia che il tuo investimento sarà ben speso.